Mobilità consapevole e sostenibile, soluzioni innovative con la carovana HackToscana

hack ToscanaLa carovana di Hack Toscana Mobilità ha fatto tappa a Firenze e Arezzo, è la prima volta in assoluto che un hackaton è dedicato alla mobilità nel trasporto pubblico locale. I partecipanti, 110 giovani provenienti da tutta Italia, si sono messi subito al lavoro per sviluppare veri e propri progetti. Tre i temi sui quali si era necessario “inventare” soluzioni innovative, sempre legate alla mobilità: il primo tema riguarda i pendolari, il secondo il tempo libero, il terzo il turismo. Ad accompagnare i giovani per la Regione Toscana gli assessori ai trasporti, Vincenzo Ceccarelli e all’innovazione e sistemi informativi, Vittorio Bugli.

“Come pubblica amministrazione – commenta Vittorio Bugli – cerchiamo di non perdere il treno con l’innovazione. Questa per la Regione Toscana è la terza esperienza di hackaton, le precedenti sono andate molto bene e le idee innovative che ne sono scaturite sono state già, in alcuni casi, recepite da investitori che daranno il via a delle start up. Siamo convinti – conclude Bugli – che sia opportuno stare vicino ai giovani, perchè dalle loro idee e dalle loro freschezza possono scaturire soluzioni importanti perchè la pubblica amministrazione sia sempre più efficiente e vicina ai cittadini. Come Regione abbiamo creato Open Toscana e proprio su Open Toscana vogliamo costruire una comunità che renda fruibili le innovazioni a tutta la società.”

“Da questa maratona – aggiunge l’assessore ai trasporti Vicenzo Ceccarelli – ci aspettiamo soluzioni innovative da applicare al trasporto pubblico in Toscana. Come Regione investiamo nel settore del trasporto pubblico, su ferro, ma anche su gomma, nell’integrazione fra i vari settori, nella mobilità sostenibile, nelle piste ciclabili, una vera montagna di soldi. Le idee innovative che verranno da questi giovani – conclude Ceccarelli – serviranno a rendere ancora più efficiente e fruibile il servizio, a migliorare le informazioni, a integrare il sito web e migliorare la nostra app. Sono convinto che questo lavoro sarà molto utile e contribuirà a rendere sempre più efficiente e sostenibile il trasporto pubblico in Toscana.”